Durante il discorso ai presuli della conferenza episcopale del Brasile, il Santo Padre Benedetto XVI ha ricordato l’immenso evento di grazia nel quale Giovani e Riconciliazione ha prestato per la prima volta il proprio servizio, in occasione della GMG del 2000; parlando di senso del peccato e di perdono, il Papa ha indicato come necessario puntare sui giovani di oggi, per far passare un’immagine di Chiesa giovane in grado di risvegliare i propri fratelli e ha rammentato la toccante immagine delle migliaia di giovani in fila al Circo Massimo per andarsi a confessare!

Un gran bel regalo per il gruppo di Giovani e Riconciliazione in occasione del 10° anniversario dalla nascita! Siamo grati di cuore al Santo Padre per il continuo sostegno che dimostra a tutti noi giovani e per il coraggio che con una grande fede ci trasmette ogni giorno!

Ecco un breve estratto del discorso:

Confidando nella provvidenza divina che presiede amorevolmente i destini della storia, non smettendo mai di preparare i tempi futuri, sono lieto di vedere risplendere il domani nei giovani di oggi. Già il venerabile Papa Giovanni Paolo ii, vedendo Roma diventare «giovane con i giovani», nell’anno 2000, li salutò come «sentinelle del mattino» (Lettera apostolica, Novo Millennio ineunte, n. 9; cfr. Omelia nella Veglia di Preghiera della xi Giornata Mondiale della Gioventù, 19 agosto 2000, n. 6), con il compito di risvegliare i propri fratelli affinché prendessero il largo nel vasto oceano del terzo millennio. E, a dimostrarlo, riaffiora inoltre nella memoria l’immagine delle lunghe file di giovani che attendevano di confessarsi nel Circo Massimo.

A questo link potete trovare il testo completo del discorso (Zenit.org).

Fabrizio BenelliNews
Durante il discorso ai presuli della conferenza episcopale del Brasile, il Santo Padre Benedetto XVI ha ricordato l'immenso evento di grazia nel quale Giovani e Riconciliazione ha prestato per la prima volta il proprio servizio, in occasione della GMG del 2000; parlando di senso del peccato e di perdono,...