Di fronte alla gravità dell’emergenza Coronavirus, mediante un decreto della Penitenzeria Apostolica, la Chiesa offre la possibilità di ottenere l’Indulgenza plenaria ai fedeli malati di Cov-19, nonché agli operatori sanitari, ai familiari e a tutti coloro che a qualsivoglia titolo, anche con la preghiera, si prendono cura di essi.

Sempre la Penitenzieria – come riportato da Vatican News – ribadisce per “la gravità delle attuali circostanze”, e “soprattutto nei luoghi maggiormente interessati dal contagio pandemico e fino a quando il fenomeno non rientrerà”, la possibilità di impartire “l’assoluzione collettiva”, cioè a più fedeli insieme, “senza la previa confessione individuale”.

Per avere l’Indulgenza plenaria, i malati di coronavirus, quanti sono sottoposti a regime di quarantena nonché gli operatori sanitari e i familiari che, si espongono al rischio di contagio per assistere chi è colpito dal Covid-19, potranno anche semplicemente recitare il Credo, il Padre nostro e una preghiera a Maria.

Gli altri potranno scegliere tra varie opzioni: visitare il Santissimo Sacramento o l’adorazione eucaristica o la lettura delle Sacre Scritture per almeno mezz’ora, oppure la recita del Rosario, la Via Crucis, o la recita della Coroncina della Divina Misericordia, chiedendo a Dio la cessazione dell’epidemia, il sollievo per i malati e la salvezza eterna di quanti il Signore ha chiamato a sé.

In allegato il decreto da poter consultare.

http://giovaniericonciliazione.it/wp-content/uploads/2016/03/cq5dam.web_.800.800.jpeghttp://giovaniericonciliazione.it/wp-content/uploads/2016/03/cq5dam.web_.800.800-300x300.jpegStefanoNewsindulgenza,penitenza,penitenzeria,riconciliazione
Di fronte alla gravità dell'emergenza Coronavirus, mediante un decreto della Penitenzeria Apostolica, la Chiesa offre la possibilità di ottenere l’Indulgenza plenaria ai fedeli malati di Cov-19, nonché agli operatori sanitari, ai familiari e a tutti coloro che a qualsivoglia titolo, anche con la preghiera, si prendono cura di essi....