Il Santo Padre, nella catechesi dell’Angelus del 21 marzo, sottolinea l’importanza e l’urgenza del sacramento della Confessione, rivolgendosi particolarmente ai sacerdoti con queste parole:

 

Dio desidera per noi soltanto il bene e la vita; Egli provvede alla salute della nostra anima per mezzo dei suoi ministri, liberandoci dal male col Sacramento della Riconciliazione, affinché nessuno vada perduto, ma tutti abbiano modo di convertirsi.

In questo Anno Sacerdotale, desidero esortare i Pastori ad imitare il santo Curato d’Ars nel ministero del Perdono sacramentale, affinché i fedeli ne riscoprano il significato e la bellezza, e siano risanati dall’amore misericordioso di Dio, il quale “si spinge fino a dimenticare volontariamente il peccato, pur di perdonarci” (Lettera di indizione dell’Anno Sacerdotale).

Benedetto XVI, 21 marzo 2010

 

Fabrizio BenelliNews
Il Santo Padre, nella catechesi dell'Angelus del 21 marzo, sottolinea l'importanza e l'urgenza del sacramento della Confessione, rivolgendosi particolarmente ai sacerdoti con queste parole: Dio desidera per noi soltanto il bene e la vita; Egli provvede alla salute della nostra anima per mezzo dei suoi ministri, liberandoci dal male col...